FAQ

Domande Frequenti

Che significa S.F.A.?

S.F.A. sta per Scuola Formazione Attore. É un progetto no-profit garantito da Accademia dello Spettacolo.

Perché una scuola deve essere no-profit?

Solo un ente senza fine di lucro può garantire finalità educative e formative

  1. Una società cura per statuto i propri interessi e non quelli di un allievo: essere senza fine di lucro significa che i ricavi dalle rette non devono superare i costi di gestione.
  2. Ad una scuola si richiede un giudizio obbiettivo: chi è interessato a “guadagnare” non è motivato a dire la verità.
  3. Le “S. r. l.”, “S. a. s.”, “S. n. c.”, “S. c. a r. l.”, sono enti dediti al profitto economico: non fanno beneficenza e se la fanno, la fanno a se stessi. La legge che ispira i commercianti, perché di questo si tratta, è massimo guadagno con minore spesa. E questo corrisponde a:
  • basso profilo culturale
  • servizi ridotti al minimo
  • collaboratori sottopagati
  • ambienti non adeguati.

A fronte di tutto questo però corrisponde una pubblicità estremamente aggressiva!

É necessario possedere particolari requisiti per entrare nella scuola?

Livello 1
La Scuola di Formazione dell’Attore si rivolge a chi “sta cercando una via allo spettacolo” poiché intende offrire un servizio ai giovani. Nelle nostre selezioni teniamo conto di questi elementi principali:

  • Presenza e agilità fisica sono i primi due elementi visivi e importanti per affrontare un corso di formazione che richiede una grande versatilità.
  • Determinazione e disponibilità ad imparare per poter affrontare una scuola che richiede uno sforzo artistico a grande raggio.
  • Costanza e volontà per portare avanti un impegno che richiede dedizione nel superare le molte difficoltà che si incontrano.

Livello 2 e 3

Possono accedere:

  • gli allievi che hanno superato i corsi di Livello 1
  • i candidati che nelle selezioni dimostrano una preparazione già acquisita.

Perché accogliete pochi allievi?

Con classi numerose non si può garantire un alto livello della formazione.

Tre anni non sono troppi? altre scuole sono di due!

Onestamente 3 anni sono appena sufficienti per mettere un allievo in condizione di avviare una carriera. Non sappiamo come altri centri riescano a sviluppare un serio programma di formazione globale in meno tempo considerato che la SFA sta progettando anche un 4° anno!

Quanto costa?

Vedi qui: iscrizione e costi

Altre spese?

  • Abbigliamento per la danza
  • Il testo di K. Stanislavskij “Il lavoro dell’attore su se stesso”, ed. Laterza
  • Alcuni testi teatrali che saranno oggetto di studio

Durante l’anno gli allievi vengono invitati a visionare degli spettacoli.

Bisogna saper fare già qualcosa?

I corsi di Livello 1 sono rivolti a chi comincia da zero.

Ma se studio danza da 10 anni devo ricominciare tutto daccapo?

No. Frequenterai i corsi avanzati di danza e quelli principianti per le altre materie.

Sono obbligato ad iscrivermi a tutti i corsi?

Vengono accolti anche allievi che seguono un programma personalizzato, soprattutto nei corsi avanzati.

Posso iscrivermi ai corsi avanzati?

Chi ha avuto già una formazione può presentare domanda per affrontare l’esame di Livello 1 o 2.
Se l’esame viene superato il candidato può accedere direttamente al corso successivo.

Perchè avete messo un limite di età?

A 18/20 anni si è disponibili e duttili, più passa il tempo più è difficile modificare errate abitudini acquisite. A 30 anni è difficile accettare regole e tempi di un’accademia professionale che sconvolge completamente i ritmi di vita consolidati. Inoltre, per motivi didattici, la scuola punta ad avere un gruppo di studenti eterogeneo. Infine è importante cominciare a costruire una carriera il prima possibile.

Perché mettete un termine per le iscrizioni? non vi pare che sia pressing?

Alcuni giovani che partecipano alle selezioni non sono veramente motivati ad entrare alla SFA: ottenuto un buon risultato pensano di poter conservare il posto fino a pochi giorni dall’inizio della scuola per poi comunicare la loro rinuncia. In questo caso, coloro che si sono classificati dopo, non possono in pochi giorni organizzarsi e approfittare del posto lasciato libero. Perciò, dopo aver pubblicato i risultati della prima selezione, concediamo 30 giorni di tempo per valutare se procedere con l’iscrizione o lasciare il proprio posto a un candidato più motivato. Non riteniamo questo nostro comportamento assimilabile al “pressing”, ma un doveroso rispetto del lavoro e delle esigenze di tutti.

É impegnativa la scuola?

Molto. Si rivolge a giovani che cercano un alto livello di preparazione. Altre scuole offrono esplicitamente il “successo”, la SFA punta far diventare bravi, e questa è tutta un’altra storia.

Posso frequentare contemporaneamente l’università?

La SFA ha un’impronta universitaria per cui l’allievo si troverebbe come iscritto a 2 facoltà.
I corsi hanno frequenza obbligatoria dalle 9 alle 17 ed è necessario dedicare del tempo allo studio a casa.
Ricorda: se riesci a frequentare un’accademia di arti sceniche e un’università contemporaneamente… una delle due scuole non è abbastanza impegnativa.

Vi occupate solo di musical?

Il nostro progetto didattico presta attenzione anche al teatro di prosa, al cinema e alla televisione. Il nostro obbiettivo è preparare i giovani a svolgere una professione nel mondo dello spettacolo a 360° per avere maggiori possibilità di inserimento lavorativo.

E dopo l’accademia?

Tutte le scuole, che siano tali o vogliano esserlo, non sono agenzie di collocamento e, quando lo diventano, rischiano fortemente di inquinare la giusta e doverosa separazione dei ruoli. La SFA non garantisce sbocchi professionali automatici e non li promette: assicura solo formazione seria, di livello molto elevato. Affermiamo chiaramente che finire l’accademia non significa essere arrivati: per un artista l’accademia è viceversa l’inizio di un percorso. La strada è ancora molto lunga e molto c’è ancora da imparare. Il diplomato della SFA ha una preparazione che gli consente di cominciare la carriera, ma sa che deve ancora studiare molto. Tutti i giorni deve continuare a ripetere gli esercizi per mantenere il livello acquisito: frequentare stage seri gli servirà per perfezionarsi e ampliare la sua formazione.

Alcune scuole promettono un inserimento nella compagnia, e voi?

No. Noi preferiamo tenere assolutamente distinti i due ambiti per evitare che un allievo si iscriva alla scuola sperando di entrare nella compagnia. Giocare sul naturale desiderio di esibirsi e apparire offrendo un immediato sbocco è una tecnica di vendita e neppure tanto sottile: un progetto no-profit si distingue proprio perché non si rende allettante attraverso “promesse di successo”. La scuola promette risultati che si ottengono solo studiando e applicando metodi riconosciuti dalla comunità scientifica.

Per quali motivi si dovrebbe tenere divisa scuola e compagnia?

Se la scuola è il serbatoio di una compagnia produce un danno educativo all’allievo:
– le scelte didattiche saranno condizionate dal repertorio, dalle esigenze, dagli obbiettivi della compagnia… e non da un programma che punta al meglio per l’allievo;
– spesso l’allievo diventa “manodopera a basso costo”;
– a volte, un talento naturale può essere subito sfruttato per quel che sa fare, impegnandolo in un lavoro che lo distrae completamente… dopo aver visto che è facile andare in scena non si ha più voglia di studiare e così viene bruciato un talento.
Inoltre, le scuole che si offrono come serbatoio per le compagnie, consentono ai produttori di ricattare i professionisti offrendo a questi compensi bassissimi: se rifiutano, vengono sostituiti da giovani allievi della scuola disposti a lavorare anche gratis. Risultato finale è: qualità sempre più bassa degli spettacoli e prepararazione sempre più superficiale degli artisti.
Dopo alcuni anni di lavoro in compagnia questi giovani talenti chiedono una più giusta retribuzione… a questo punto vengono sostituiti con nuovo talenti emergenti, e il ciclo ricomincia.

Ma fate spettacoli?

Gli allievi della SFA vanno in scena e partecipano a produzioni, certamente. Mentre si è studenti è utile cominciare a calcare la scena, ma questo “impegno” non deve far mettere sullo stesso piano, o addirittura in secondo piano, quello preminente di studiare e perfezionarsi. Sono tanti gli esempi di “artisti” che hanno iniziato una carriera senza una adeguata preparazione, abbandonando gli studi a metà pensando di poter già lavorare. Per avere un futuro davanti… ci vuole una storia dietro e la scuola ha il dovere di privilegiare la formazione. La fretta di andare in scena, di cogliere l’occasione, diventare rapidamente famoso… sono tentazioni largamente diffuse e i “commercianti” sanno sfruttare molto bene questo aspetto.

Perché non fate i musical famosi?

Il programma di studio è vario e articolato: gli allievi alla SFA studiano i grandi autori, ma l’Accademia si rifiuta di strumentalizzare lo studio e i grandi autori per promuovere e pubblicizzare la scuola. Non si diventa grandi attori mettendo in scena i capolavori come in una slot-machine. Alcuni enti pubblicano sistematicamente video dei propri allievi che si cimentano in brani tratti da tutto il repertorio dello spettacolo: esibizioni imbarazzanti, performance canore degne delle compagnie amatoriali di basso livello. Non è questa la strada per formare un artista di professione: questa è la via per illudere i giovani di essere già arrivati. Un vero artista si afferma con la sua arte e le sue capacità: nascondersi dietro a Shakespeare, Lloyd Weber o Christina Aguilera è molto comodo. Recitare un pezzo di “un autore sconosciuto” ed incantare il pubblico… questa è vera arte.

Come distinguere una “scuola ” da un “centro commerciale”?

Accogliere un giovane di talento e diplomarlo lo può fare anche la copisteria del quartiere: i commercianti fanno solo questo, stampano e vendono diplomi insieme a promesse e sogni. Una scuola, invece, si distingue perché può accogliere anche un giovane mediamente dotato e lo fa diventare un professionista… e se il giovane ha del talento è tutto più facile.
Ecco alcuni comportamenti da centro commerciale:
– avere una soluzione per tutti: corsi amatoriali e professionali, corsi serali e diurni… si può fare l’università e anche l’accademia… “impossible is possible”, basta volerlo intensamente, pagando;
– far apparire facile e poco faticoso il percorso formativo e garantire risultati con il minimo sforzo personale;
– accogliere minori o allievi senza diploma di maturità in corsi “definiti” professionali (!);
– presentare un contratto da firmare appena terminata la selezione;
– assicurare “lavoro e successo”;
– non pubblicare l’elenco dei docenti prima di far firmare il contratto;
– pubblicare elenchi non veritieri dei docenti (nomi di artisti che poi nessuno vede o passano solo a salutare…);
– non pubblicare l’orario delle lezioni prima di far firmare il contratto;
La fantasia dei commercianti è imprevedibile… ci siamo limitati a citare alcuni esempi di comportamenti che ci sono stati segnalati da docenti e allievi che hanno avuto tristi esperienze, a buon intenditor…

Avete altre sedi?

No. Più volte ci è stato chiesto di aprire sedi distaccate o “concedere il nostro marchio in franchising”, ma fino a quando non saremo sicuri della qualità dei partners non intendiamo autorizzare aperture di altre sedi.

Perchè non aprite altre sedi?

Il nostro progetto si basa sul lavoro diretto e continuo del nostro direttore artistico, il quale non ha ancora il dono della ubiquità. Non è sufficiente avere una struttura, dei soldi da investire, dei collaboratori di fama… sono le idee che ispirano la SFA a fare la differenza: idee che non si comprano e non si vendono davanti ad un notaio… si possono copiare, ma non si fa molta strada con le idee degli altri.

Attenzione alle scuole trappola

Vi sono “enti” che vendono formazione artistica. Normalmente questi enti sanno presentarsi molto bene di facciata, curano look e apparenza, promettendo successo assicurato “grazie a metodi speciali o conoscenze particolari”. Normalmente i commercianti dell’arte agiscono così: terminata la selezione ricevete immediatamente la risposta e siete invitati a firmare l’iscrizione.Non fatelo mai! Terminata una selezione siete in uno stato di tensione o di euforia che non vi assicura di prendere un decisione ponderata: chi vi invita a firmare è certamente una persona astuta che vuole approfittare del vostro stato emotivo.

  1. Non firmate mai subito seduta stante.
  2. Fatevi consegnare una bozza dell’offerta formativa e leggetela con calma.
  3. Prendetevi il tempo che loro non si sono presi per una valutazione ponderata.
  4. Pretendete di conoscere materie, ore garantite per ciascuna materia, nomi e cognomi dei docenti.
  5. Diffidate sempre della scuola privata che non si impegna a garantire per iscritto quello che vi promette.

Se siete caduti in una trappola di questo genere, potete contare su noi: Vi assicuriamo tutto il nostro appoggio e Vi aiuteremo a portare il vostro caso all’attenzione dei media… è l’unica cosa che costoro temono veramente, la pubblicità negativa.

Sapete che la vostra faq viene imitata?

Sì.