fbpx

Blog

10 Nov 2019

Come scegliere un'accademia di arte scenica

come-scegliere-un-accademia-di-arti-scenicheStanno iniziando le campagne di pubblicità dei centri che offrono servizi di formazione per diventare attori.
In un campo in cui lo Stato è assente con proposte formative adeguate, grande spazio ha l’iniziativa privata: ma, scegliere un’accademia basandosi solo su quello che è scritto su un sito web, può diventare per alcuni giovani e le loro famiglie un’esperienza fallimentare.

Considerato che molti centri chiedono cifre intorno ai 5.000 euro annui, alcuni anche di più, è importante valutare quale servizio si ottiene in cambio per una scelta consapevole.
Vi sono alcuni elementi esteriori, che precedono materie, programmi e docenti, e senza i quali una scuola non può e non dovrebbe neppure immaginare di offrire un servizio: sono gli spazi. Infatti anche il miglior docente, se non viene messo in condizione di svolgere al meglio le sue lezioni, non potrà offrire una prestazione adeguata.

Un’accademia di arti sceniche professionale deve garantire spazi… professionali.
A titolo esemplificativo una palestra dove si tengono lezioni di danza a 12-15 allievi deve misurare almeno 100 mq. e il pavimento deve essere ammortizzato. Gli allievi devono avere degli spogliatoi con docce e servizi. La struttura deve essere a norma. Se non vi sono questi requisiti minimi il centro che state visitando non può definirsi professionale.

Non dovete accontentarvi delle informazioni ottenute via internet o al telefono: visitate la scuola e verificate questi fattori non avendo timori nel fare tutte le domande del caso.

Quantità degli spazi.
-Quanti metri quadrati occupa la scuola?
Un’accademia deve garantire spazi adeguati: reception, spogliatoi, aule di danza, aule di canto, sale di recitazione.

Qualità degli spazi.
-Gli ambienti sono a norma?
-Come sono gli spogliatoi?
-Gli allievi hanno un armadietto personale?
-Servizi? Docce?
-Pulizia? Riscaldamento?
Frequentare una scuola tutti i giorni 7/8 ore richiede che gli ambienti abbiano dei requisiti di base e se non ci sono o sono approssimativi… girate subito al largo!

Ma vi sono anche altri fattori importanti.
-Come sono le palestre di danza? Pavimento? Specchi? Sbarre?
-Aule di canto?
-Aule di recitazione?
-Altri ambienti a disposizione? (Cucina, infermeria, aule studio…)
-Attrezzatura didattica? (Pianoforte, amplificazione, telecamere…)

Una scuola con piccoli ambienti o che non sono a norma o poco curati può ovviamente offrire un servizio a costi inferiori, ma se non si rispettano le regole già in questi aspetti potete immaginare il resto!

Nella logica del venditore, i centri poco attrezzati, cercheranno di spostare l’attenzione del futuro allievo su altri fattori, per esempio dichiarando come docenti “nomi famosi” o con esposizione televisiva. Spesso le accademie private si riducono a centri che promuovono gli incontri con artisti famosi: conviene evitare questi ambienti perché non potranno mai formare un professionista.

Piccoli suggerimenti finali
-Diffidate di una scuola che riceve solo su appuntamento! Una scuola deve avere una segreteria aperta almeno 8 ore al giorno.
-Cercate di conoscere una scuola senza trucco, così com’è nella vita di tutti i giorni!
-Non lasciatevi incantare dalle promesse future: osservate il presente.

Alla fine, se nonostante l’evidenza avete preferito mettere il vostro futuro in quelle mani, non lamentatevi troppo e rassegnatevi a respirare il fumo che vi hanno venduto.

Visita la struttura che Accademia dello Spettacolo mette a disposizione per i suoi allievi: Scuola Formazione Attore

Info: 011.4347273