The Selfish Giant | In scena gli studenti della Scuola Formazione Attore

the-selfish-giant-musical

The Selfish Giant, la storia di Oscar Wilde che commuove grandi e bambini riscritta in commedia musicale da Mario Restagno, va in scena al Teatro Murialdo il 21 dicembre alle ore 21.

Dopo 13 anni torna in una nuova versione The Selfish Giant, una produzione di Accademia dello Spettacolo, adatta a tutte le età con dialoghi in italiano e brani cantati in lingua inglese.
L’opera scritta da Mario Restagno con musiche di Walter Orsanigo e Aldo Florian nel 2005 è stata filmata e distribuita in dvd in tutte le scuole d’Italia: oltre 400 classi l’hanno rappresentata trasformando questo spettacolo in un classico dell’animazione teatrale. La versione di questo anno presso il Teatro Murialdo porta in scena 40 attori ed è affidata alla regista Laura Milani, supportata dall’attore inglese David Ashley, le coreografie sono firmate da Valentina d’Agnano, mentre la scenografia è curata da Giuseppe Garau.

Cast

Accademia dello Spettacolo porta in scena una produzione di grande impatto costituita da 40 giovani attori guidati da Francesco Benedetto, attore professionista che interpreta il ruolo principale del gigante egoista. Sul palco insieme a lui i giovani della Scuola Formazione Attore che, tra gli altri, impersonano i ruoli delle stagioni e degli elementi naturali. Sulla scena infine sono coinvolti bambini e ragazzi della Scuola di Musical, nei panni dei muratori e dei piccoli che si intrufolano nel giardino del gigante.

Trama

Una bambina torna arrabbiata a casa dopo la scuola. Si sfoga con la nonna che, per tranquillizzarla, la trasporta indietro nel tempo raccontandole una storia fantastica: “Dei bambini andavano a giocare nel grande giardino che circondava un bellissimo castello. Il proprietario era un gigante che da qualche anno era assente. Un giorno ritornò, scacciò tutti e fece costruire un alto muro che lo dividesse dal resto del mondo.
Da quel giorno, la primavera non tornò più nel giardino: il gelo e la neve ne erano diventati i padroni.
Il gigante era ormai stanco di quel freddo invernale e non capiva perché la primavera tardasse ad arrivare…”

Lo spettacolo

The Selfish Giant propone una lettura del racconto di Oscar Wilde moderna e rivolta ai giovani d’oggi ispirandosi a tematiche attuali molto rappresentate nei maggiori mezzi di comunicazione. La nonna trasporta la nipote, Adalgisa, in una storia fantastica con l’obiettivo di farle comprendere l’importanza della condivisione. Il muro, che il gigante innalza durante il racconto per tenere lontana la minaccia costituita dai bambini, è sicuramente una metafora di questo insegnamento.
Inizialmente il gigante respinge tutti e si isola dal resto del mondo per poi comprendere solo in un secondo momento che il modo migliore per sopravvivere è accogliere gli altri. Le situazioni che si trovano ad affrontare il gigante e la bambina ricordano, in misura diversa, come ancora oggi nel mondo vengano costruiti nuovi muri, considerati come la soluzione a un problema di convivenza che è un’illusione perché in realtà la separazione e la segregazione ne annullano ogni possibilità e nascondono semplicemente un problema che si riaffermerà più tardi con maggiore forza e drammaticità.

Con questa opera la regista vuole dunque invitare i giovani e la società moderna a coltivare i valori della comunicazione e inclusione tra i popoli perché, come dimostrano Neve e Gelo nel momento in cui si sciolgono, chi è intollerante perde, sempre.

Biglietteria

su Ciaotickets

oppure presso la sede di Accademia dello Spettacolo in via Villar 25

Info: 011.4347273

Related Posts

Leave a Reply

×

Powered by WhatsApp Chat

× Chatta con Giuletta