fbpx

Tag

Stanislavskij
dilettantismo
Durante questa terza lezione abbiamo continuato a riflettere sul primo capitolo del libro “Il lavoro dell’attore su se stesso” intitolato Dilettantismo. Dilettantismo Leggendo le prime pagine ci siamo subito potuti immedesimare in Konstantin Nazvanov, un allievo alle prime armi con il mondo del teatro, alla ricerca di nuove conoscenze, ma allo stesso tempo convinto di...
Read More
senso del vero
Stiamo affrontando il capitolo intitolato il “Senso del Vero” (pag. 134 de Il Lavoro dell’Attore su se stesso). Gli studenti stanno recitando sul palco e il maestro li osserva. Alla fine Torcov si complimenta perché tutto risulta molto vero, ma quando ripetono la scena non riescono più ad essere convincenti. Infatti, nella ripetizione non avevano...
Read More
clichés
Nel capitolo che abbiamo affrontato Stanislasvkji critica le filodrammatiche, termine con cui venivano definite nel passato le compagnie di teatro amatoriale. Il nostro direttore fa un breve excursus su come erano organizzate le attività teatrali del settore amatoriale negli anni 50-60 spiegando vantaggi e svantaggi. Un vantaggio è quello che avvicinavano tante persone alle arti...
Read More
entusiasmo caos
Stiamo affrontando il paragrafo conclusivo del capitolo V sull’immaginazione (pag 106-109), una delle parti più importanti del testo Il Lavoro dell’attore su se stesso (editore Laterza-Bari). “In una parola, in arte, non si può lavorare a freddo. Ci vuole un determinato grado di calore…” Due aspetti che costituiscono l’artista sono l’entusiasmo, associato solitamente ai bambini,...
Read More
La lezione del 24 aprile ha affrontato una delle pagine più importanti del Lavoro dell’Attore su se stesso di K. S. Stanislavskij. Due aspetti che costituiscono l’artista sono l’entusiasmo, associato solitamente ai bambini, sempre affascinati dalle piccole cose della vita, ed il caos, a cui l’artista si ispira interiormente ed esteriormente. Il caos è la...
Read More
1 2 3
×

Powered by WhatsApp Chat

× Chatta con Giulietta