Alla ricerca della verità nei nostri giorni

ricerca della verità

“Ricerca della verità” è stato il mantra chiave che ci ha guidato durante il corso di “Filosofia dello Spettacolo” tenuto dal Direttore, Mario Restagno. Abbiamo affrontato molti argomenti, spaziando dalla verità nella fotografia alla filosofia, analizzando grandi personaggi della storia fino ai giorni nostri.
Tra le molte tematiche sviluppate, mi è rimasta impressa la figura di Howard Gardner, in particolare ciò che riguarda la verità nei giorni d’oggi.

Howard Gardner

É uno psicologo e docente statunitense, nato nel 1943, figlio di tedeschi ebrei che scapparono durante la Prima Guerra Mondiale dalla Germania. Oggi è un docente universitario presso la Harvard University nel Massachusetts. Ha raggiunto fama grazie alla sua teoria sulle “intelligenze multiple”.  Sostiene che non esista un unico tipo di intelligenza, ma una molteplicità di forme presenti sin dalla nascita in ogni essere umano. Una parte dell’evolversi di queste intelligenze è condizionato da fattori genetici, ma sicuramente può dipendere anche dall’apprendimento. É certamente importante il ruolo della scuola e di ogni forma di istruzione nell’infanzia di un bambino.
Fino ad oggi Gardner ha teorizzato nove intelligenze: linguistica, matematica, intrapersonale, interpersonale, cinestetica, musicale, visivo-spaziale, naturalistica ed esistenziale. Non esclude che in futuro ne possa individuare altre.

Verità, bellezza, bontà

Ha scritto diversi testi sulla psicologia dell’educazione, sulla scienza e sulle intelligenze multiple. Interessante è il libro intitolato “Verità, bellezza, bontà. Educare alle virtù nel ventunesimo secolo” del 2011. Un libro nel quale Gardner esplora il significato di queste tre virtù. Analizza possibili cambiamenti e variazioni presenti nel periodo post moderno, in un tempo dove l’evoluzione tecnologica ha destabilizzato i valori. Gardner dice:
“Il mio obiettivo in questo libro è duplice: definire la verità, la bellezza e la bontà per il nostro tempo e spiegare come sia possibile mantenere vive queste virtù nel futuro e per il futuro”

Ricerca della verità

La verità è la prima virtù che Gardner tratta ed esamina, ritenendola tra tutte la necessaria alla sopravvivenza umana. Sostiene nel XXI secolo la verità viene ridotta. Molto spesso viene mostrato solamente quello che il potere ha stabilito. Oggi i media sono l’esempio perfetto di questo avvenimento: ci viene mostrato solo quello che gli algoritmi calcolano.
È anche vero che ai giorni nostri è diventato più facile raggiungere la verità rispetto al passato. Una volta le informazioni erano poche e non c’era la possibilità di andare a cercarle, quindi chi era in possesso del potere stabiliva cosa poteva essere vero e cosa falso. Oggi si possono avere più fonti per stabilire dei confronti. Non bisogna prendere ogni cosa per vera, bisogna andare a conoscere la fonte e verificare la verità.
Il libro di Gardner è una proposta per riuscire ad affrontare in modo più corretto possibile la vita. E la ricerca della verità è uno degli strumenti più importanti.

(SFA, Filosofia dello Spettacolo, con Mario Restagno – Relazione a cura di Pietro Pellegrino)

Related Posts

×

Powered by WhatsApp Chat

× Chatta con Giulietta